14 marzo 2010

Caricamento in corso




Un po' di dinamica non guasta ma dovrebbe essere misurata allo stato dei fatti che si hanno a disposizione. Ci pensavo stasera mentre parlavo e guardavo occhi che erano 20 anni che non vedevo più.
Perchè il tempo passa ma certe cose restano come erano, fermate dall'aver percepito oltre la distanza di un tempo e di un luogo che può anche essere diverso senza che sia diverso quello che avresti fatto. Anche se non avrei mai immaginato che sarei tornata così. Scalza, un po' selvaggia e con i capelli che non mi ricordo più di che colore sono.
Cambiare è una mania che poi va riconsiderata. Certe volte bisogna resistere come alla tentazione di fuggire, lo so.
E nei 20 anni passati non sarai cambiato per me. Con quella stessa frivolezza di allora, poco impegno e tanti sogni che fanno spazio a un tempo che non esiste ma si mostra con più determinazione quando in fondo un'età c'è.
Per fortuna sogno spesso, lo so.
Forse lo fai anche tu, in coda al semaforo che diventa rosso, mentre ascolti qualcuno al telefono, quando giri con un carrello vuoto nel supermercato, mentre passeggi tra la cucina e il bagno per misurare la distanza tra il cervello e il cuore che è un dato che prima o poi ti servirà.

Scalza

7 commenti:

Segreti Inconfessabili [ di una mente culinaria ] ha detto...

dicono che il cuore serva più del cervello... a volte.
io penso che a volte servano sopratutto un sacco di coccole... e bon!
:**

scalzasempre ha detto...

mi sa che hai proprio ragionYssYma :* bonne nuit!

Segreti Inconfessabili [ di una mente culinaria ] ha detto...

aspettami, vengo anche io!
:*

Virginia ha detto...

Ciao Scalza,
molto piacere:)

http://la-musette.blogspot.com

just a man ha detto...

E' uno dei più belli.Al momento esatto di adesso,il più.Il più.Touché.Bellissimo.

giardigno65 ha detto...

eccome ti serve !

scalzasempre ha detto...

ciao Virginia, hai un bellissimo blog. mi hai fatto venire in mente i miei passati di sartina per bambole!

-------

just, mi piace emozionarti. Grazie


-------

Giardy, vorrei averle capite più che averle sapute, mi hai capito lo so.