9 luglio 2012

Inesorabili ma realmente accessibili



Certe volte mi sento un genio. Esattamente quelle volte dove gli altri o semplicemente qualcuno, non mi capisce se provo a spiegare. Effettivamente se sono un genio è normale che gli altri non mi capiscano anche se a me sembrano cose semplici. Però se sono semplici mi viene il dubbio che la mia genialità sia un eccesso di svitatezza come dicono alcuni o semplicemente gli altri.
Tuttavia, elaborando alcuni miei personali grafici iso-quantici dove ho probabilizzato le curve della possibile mia svitatezza parametrizzata su un campione di cervelli che ho osservato in un periodo X, mi sono resa conto che effettivamente sono un genio. Ma non di quelli della lampada perchè ai desideri preferisco i sogni. Da sempre.

Scalza

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Mi ritrovo abbastanza con le sensazioni che descrivi nel primo periodo del post, con l'unica differenza che chiamo "eccesso di Vitotezza" quella che tu sospetti sia "eccesso di svitatezza". Rispetto poi ai tuoi personali grafici del tuo secondo periodo, dove parli del periodo X, so solo che nei miei sogni realizzo spesso i miei desideri ed è bello così. Ciao!

Giusy Bi ha detto...

e non è affatto male, fai bene a dire questo. Ciao Svitotezza :)